Novità 2017-2020: tra FIG World Cup e World Challenge Cup

Oltre all’entrata in vigore del nuovo codice dei punteggi (si è appena concluso, a Baku, il corso giudici intercontinentale), il quadriennio 2017-2020 della ginnastica ritmica sarà protagonista di un’ulteriore novità: la formula con la quale viene organizzato il circuito delle World Cup, antecedenti gli annuali Campionati del Mondo (che quest’anno si svolgeranno in Italia a Pesaro, dal 30 agosto al 3 settembre; mentre nel 2018 saranno a Sofia e nel 2019 a Baku).  Il nuovo ciclo olimpico vedrà quindi la nascita di due nuove tipologie di competizioni internazionali: la FIG World Cup Series e la FIG World Challenge Cup

La prima – la FIG World Cup Series – sarà organizzata ogni anno con quattro eventi che si svolgeranno tra fine marzo e inizio maggio. Le città scelte per ospitare ogni anno il circuito sono: Pesaro (Italia), Sofia (Bulgaria), Tashkent (Uzbekistan) e Baku (Azerbaijan). La novità più rilevante, è che la World Cup Series che si disputerà nel 2020, permetterà di staccare il pass nominale per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, alle prime tre ginnaste individualiste che si affermeranno nel ranking. Questo perché, a differenza del passato, le ginnaste che otterranno il pass per l’Olimpiade ai Mondiali del 2019, non saranno automaticamente ammesse ai Giochi. La lista definitiva delle atlete ammesse sarà stilata solo al termine dell’ultima competizione della FIG World Cup Series del 2020.

Da maggio a novembre, invece, si disputerà la FIG World Challenge Cup, costituita da un minimo di tre ad un massimo di quattro eventi l’anno. Quest’ultima, però, non darà in nessun modo accesso ai Giochi Olimpici di Tokyo, ma sarà un importante banco di prova per tutte le Nazioni per testare la preparazione di ogni singola ginnasta e squadra, prima dell’annuale appuntamento iridato. Per il 2017 le città che ospiteranno le challenge cup sono: Portimao (Portogallo), Guadalajara (Spagna), Berlino (Germania) e Kazan (Russia).

Il 2017 sarà ricco di altri importanti appuntamenti per la ginnastica ritmica.

A partire da febbraio si disputeranno una serie di storici tornei internazionali tra cui: il Grand Prix di Mosca (17-19 feb), la Deriugina Cup (17-19 mar), il Grand Prix di Thiais (25-26 mar) e la Deleanu Cup (31 mar-2 apr).

A maggio andrà in scena, invece, la 33esima edizione dei Campionati Europei a Budapest in Ungheria (17-21 maggio), che vedrà protagoniste le ginnaste individualiste senior e le squadre junior.

A luglio sarà la volta dei World Games 2017 a Wroclaw in Polonia (20-30 luglio): la manifestazione sportiva comprende competizioni di molte discipline che in passato (come la ginnastica ritmica e il trampolino) o tutt’oggi (come ad esempio la ginnastica aerobica, l’acrobatica e il tumbling) non sono state inserite nel programma dei Giochi Olimpici.

Infine, dal 19 al 29 agosto, andrà in scena a Taipei in Cina, la 29esima edizione delle Universiadi estive, l’evento dedicato agli atleti regolarmente iscritti a un corso universitario (l’edizione 2015 ha visto vincere l’oro alla coreana Yeon Jae Son e ottenere il decimo posto dalla pluri-campionessa italiana Veronica Bertolini). Una edizione, quella del 2017, che non si prospetta però, ricca di partecipanti di alto livello per la ginnastica ritmica, dal momento che i Campionati del Mondo di Pesaro, si disputeranno a ridosso, dal 30 agosto al 3 settembre. Sarà, invece, la città di Napoli, a ospitare la manifestazione nel 2019, anche se ancora le date non sono state rese note.

Giuseppe Suma
The following two tabs change content below.
Nasce a Milano il 19 agosto 1976. Giornalista professionista, laureata in Storia del Teatro e dello Spettacolo all’Università degli Studi di Milano, ex ginnasta, poi tecnico e giudice, è autrice e conduttrice televisiva per Reteconomy e RepubblicaTv. Collabora con “La Gazzetta dello Sport”, "Eurosport" e la rivista federale “Il Ginnasta” e, all’Olimpiade di Londra, ha commentato la ginnastica per il canale SKY 3D. Con Emanuela Maccarani ha scritto il libro "Questa Squadra" edito da Baldini&Castoldi. Nel 2008 ha fondato www.ginnasticaritmicaitaliana.it.
Поделиться страничкой на:
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Добавить комментарий

Ваш адрес email не будет опубликован.

4 × 4 =